Le Attività del Renny

Renny è il luogo dove poter coltivare stimolare
il proprio ``io``

Renny è la casa dei corsi e delle attività proposte da Tuballoswing e da molte altre associazioni culturali e sportive. I corsi sono legati al ballo, alla musica, al teatro, alla cultura, al benessere, alla creatività, all’arte in ogni sua forma.
(Alcune attività potrebbero attualmente esser sospese causa emergenza sanitaria)

Image
con Tuballoswing

Trova un nuovo stile di vita

Tuballoswing, che vuol dire? Chi siete e cosa fate?
E’ l’acronimo di “TUtti BALLanO SWING” ed è nato per diffondere lo spirito e la cultura della “Swing Era”, principalmente attraverso l’insegnamento e la pratica dei così detti balli “vintage”.
Il nostro obiettivo è riproporre la musica, il costume, lo stile, la danza e il mood di quegli anni, in una dimensione divertente, aperta alla città e al territorio.

Lo Swing per Tuballoswing?
Creare un gruppo che sia animato dalla stessa passione, fare del ballo un mezzo di espressione e comunicazione, trasmettere ed esaltare quello che è lo spirito e la cultura che distingue le danze jazz dalle altre.
Portare una ventata di innovazione sulla tradizione, impostando l’insegnamento su un nuovo metodo, improntato sul sociale e accessibile a tutte le generazioni, anche le più giovani!
Le nostre lezioni diventano un ottimo modo per imparare divertendosi e socializzando, grazie anche all’ esperienza e alla passione dei nostri insegnanti.

Lindy Hop? Boogie Woogie? Charleston? Jazz? Tap?
Si, le identifichiamo tutte come discipline appartenenti alle Danze Swing, per scoprire le differenze e scegliere il tuo corso perfetto visita il nostro sito!

Impara a ballare, socializza e divertiti con noi!
Vieni e provaci..
TUtti possono BALLare SWING !

www.tuballoswing.it
Image
Con Mya Fracassini

Cosa si fa a Sing&Swing?

Si canta, si esplora la propria voce, si imparano melodie note e meno note della swing era, ma anche piano piano si costruisce insieme un’orchestra di voci, seguendo gli esempi famosi dei gruppi vocali degli anni ’30 e ’40 e la tradizione dei Barbershop Quartet, sia maschili che femminili.

Il programma sarà modulato sulle capacità dei partecipanti, e non sono richieste abilità particolari per partecipare, salvo la passione e la voglia di cantare, rigorosamente insieme agli altri!

Chiedimi informazioni
Image
Con Leopoldo Zannucoli

Cura la tua postura con il metodo Feldenkrais

Cos’è il metodo Feldenkrais e a cosa serve?
Nel video, una breve intervista all’insegnante Leopoldo Zanuccoli trasmessa su RAI 3 ci spiega come questo sistema di educazione somatica aiuta a sviluppare fiducia nelle proprie capacità, allevia le tensioni, migliora l’organizzazione motoria ai problemi ortopedici o neurologici e serve ad affrontare ansia e stress.

Chiedimi informazioni
Image
con l'associazione No Gravity Circus

Danza e vola con i tessuti

Tessuti aerei è una disciplina che nasce nel circo.

Gli acrobati eseguono su teli acrobazie spettacolari, giravolte e cadute ai fini di creare posizioni sempre più strane e appariscenti. La disciplina è completa in quanto si usano braccia e gambe nell’arrampicata e addominali per l’inversione e molte pose.

Le acrobazie sono sicure in quanto garantiscono la totale presenza dell’acrobata sia mentale che fisica.

Chiedimi informazioni
Image
con Africa In

Senti il ritmo nel sangue

Alla scoperta della danza tradizionale della Costa d’Avorio e non solo, a piedi nudi e pieni di energia!

Chiedimi informazioni
Image
con Giovanni Legato

Difenditi con le arti marziali

Chiedimi info

Questa affascinante disciplina è tra le più complete Arti Marziali al mondo ed è accessibile a tutti senza limitazioni di età, sesso e costituzione fisica, in quanto predilige l’abilità piuttosto che la forza.

Le tecniche proprie del Ju-Jitsu sono mirate alla Difesa Personale. Pratichiamo un mix di allenamento di lotta in piedi, lotta a terra, calci, pugni, pratiche di autodifesa ed esercizi per migliorare il benessere e la forma fisica.

Ecco alcuni dei benefici che potrete ottenere dalla pratica del Ju-Jitsu:

  • Maggiore autostima
  • Migliore forma fisica
  • Autodisciplina
  • Energia
  • Migliore Coordinazione
  • Sollievo da stress
  • Nuove amicizie

Chiunque è il benvenuto!

Chiedimi informazioni
Image
con Francesco Gherardi e Carlo Terzo

Recita con il ritmo

Un corso che offre la possibilità di scoprire le potenzialità espressive del proprio corpo in rapporto con il ritmo non inteso solo in senso stretto musicale, ma anche come approfondimento della percezione del tempo scenico e della presenza.

È rivolto a teatranti e danzatori, giocolieri ed artisti di strada, artisti performativi, artisti singoli, duetti e compagnie.

Il corso propone un’approccio possibile per il lavoro sul personaggio, per l’ideazione, l’elaborazione e la scrittura drammaturgica, la messa in scena e la regia di uno spettacolo di arti sceniche o performative

Chiedimi informazioni
Image
con Alessandro Fava

Come in un ghetto Newyorkese

Nell’arco degli anni ’70 le minoranze etniche nei ghetti newyorkesi convertono la rivalità tra bande, espressa fino ad allora con le armi, in un movimento culturale che ancora oggi si evolve in tutto il mondo: L’HIP HOP.
I primi DJ della storia animano le feste dove le persone e i ballerini, parallelamente all’evoluzione musicale, cambiano il proprio modo di ballare.
Dalla Old school fino ad oggi, il Popping, la Break dance,
il Locking, l’House dance, l’Hype, il New style, Il Krump, l’L.A. e molti altri stili e danze, fino alle contaminazioni col contemporaneo, si sviluppano ed evolvono a comporre la ricchezza tecnica dell’Hip hop, corrente di cui tutte fanno parte.

Oltre la ricca storia di personaggi, luoghi e ragioni sociali questa danza offre tanto a chi la pratica.

3/5 ANNI: La pedagogia della danza, prima di fornire gli strumenti concettuali per arrivare addirittura alla libertà individuale, fornisce una base completa per la conoscenza del proprio corpo e delle capacità motorie in modo sicuro, equilibrato ed essenziale, favorendo così direttamente lo sviluppo cognitivo.

6/9 ANNI: L’Hip hop nasce storicamente per aggregare persone e questo aspetto è tra i suoi maggiori principi e benefici. In questa fascia di età si sviluppano le prime capacità sociali ed è utile che l’imprinting sia il rispetto, la gentilezza e il senso di sicurezza dato dall’appartenenza a un gruppo.

10/12 ANNI: L’approfondimento dei vari linguaggi dell’Hip hop, la loro contaminazione reciproca e con la danza contemporanea sarà la base tecnica del corso:
Il controllo del corpo e dei movimenti servirà a sviluppare la ricerca del proprio linguaggio. lo stesso percorso fornirà gli strumenti perché il proprio modo di ballare possa essere canalizzato in un atto creativo attraverso l’improvvisazione.

ADULTI: Un corso di hip hop per adulti può essere preso con estrema serietà o con le più fantasiose sfumature di autoironia, oppure con la giusta dose di entrambe le cose; non è più tutto bianco o tutto nero come in adolescenza, c’è l’equilibrio che la maturità porta ad avere. Ci si può impegnare deditamente ma con quella dose di ilarità che rende tutto l’apprendimento divertente.
Il focus del corso è proprio questo: imparare divertendosi.
Oltre tutti i benefici che la danza offre in sé in questo corso si approfondiranno i linguaggi del genere hip hop perché, come dicevamo, l’hip hop è una famiglia di danze diverse; noi andremo a focalizzarci su alcuni di questi stili come l’house dance, il popping, l’hype, ne studieremo i linguaggi, il repertorio di passi codificati con i rispettivi nomi e le variazioni conosciute, le tecniche che li caratterizzano e le forme estetiche fondamentali che li contraddistinguono.

Per ognuna di queste danze, acquisiti i fondamentali, studieremo la loro applicazione nei due modi in cui la danza si esprime, l’ improvvisazione e la coreografia.

Ed infine, assaporato il gusto specifico e acquisiti i fondamentali tecnici, tenteremo con questi di arricchire il linguaggio di chi vuole coltivare il proprio personale modo di ballare.

Chiedimi informazioni
Image
con Alessandro Fava

Tutti possono danzare!

Il primo dei concetti fondamentali è che la danza prescinde dal livello tecnico.
Chiunque può fare danza!
Il corpo e il movimento hanno delle possibilità finite ma all’interno di queste abbiamo la capacità di trovare delle combinazioni che elevano un momento al valore trascendentale dell’arte.

Il corpo è composto di parti e ognuna può muoversi autonomamente, in una molteplicità di modi, con velocità , “densità” e direzioni diverse, quindi cosa trasforma il movimento, anche molto tecnico, in danza? Come trasformare il movimento in danza e la danza in arte?

Comprendere tutti gli elementi che compongono ciò che studiamo è un passaggio obbligato per poterli poi riutilizzare a nostro piacimento.

Il percorso è personale e veramente rivolto a chiunque voglia avvicinarsi a questa pratica per il benessere psico-fisico, per la conoscenza e la connessione con se stessi e col proprio corpo, per canalizzare il proprio estro creativo, ecc. o per chiunque voglia approfondire con questo metodo la propria ricerca.

OBIETTIVI DEL CORSO
Il primo passaggio del nostro percorso è il controllo della respirazione.
La coordinazione di respirazione e movimento è infatti la connessione con noi stessi e fra noi e il pubblico: senza non ci sarebbe possibile trasmettere nessuno stato emotivo, nessun contenuto oltre la tecnica che, per quanto eccellente, sola è sterile.
Il secondo obiettivo da proporsi è abitare il proprio corpo in maniera più consapevole e più diretta.
Il movimento è tale in relazione al controllo che abbiamo del nostro corpo, quindi è fondamentale accrescere la percezione di questo, la coordinazione, l’equilibrio e tutti gli aspetti ad esso connessi.
La magia: canalizzare ciò che si prova nel movimento.
La relazione fra l’ascolto delle emozioni e l’ascolto del corpo, e far convergere l’una nell’altra cosa, trasforma il movimento in danza.

Chiedimi informazioni
Image
con Carlo Terzo

``La ricerca di sé... in luoghi non convenzionali``

Il cammino si sceglie, i passi si decidono.

Obbiettivo del laboratorio: offrire uno spazio fisico e senti/mentale, di aggregazione per mezzo dell’espressione artistica.
Un’ indagine delle proprie capacità espressive, creative e di riconoscimento della propria emotività, per imparare a gestirla attraverso l’espressione corporea canalizzandola per un benessere comune, sia individuale che collettivo; imparando quindi ad esprimere i propri disagi o riconoscere i propri motivi di soddisfazione, così da trarre fiducia in sè e nelle proprie capacità.

È rivolto a chi volesse provare a mettersi in gioco per scoprire e sperimentare le proprie capacità espressive e creative e che stia cercando una dimensione aggregativa sana e benefica, per ciascuno verrà pensato un percorso proprio, distinto ma intrecciato agli altri.

Sarà condotto da Carlo Terzo che dal 1995 studia e si occupa di drammaturgia, regia, formazione e percorsi olistico/esperienziali, sopratutto in ambiti non accademici.

Chiedimi informazioni
Image
con Alessandra Profeti

La verità profonda della propria luce immensa

Il laboratorio di danzaterapia è un’occasione speciale ed unica per riappropriarsi del proprio corpo e della propria espressione gestuale ed emotiva, alimentando reale benessere e una resilienza sorta dalla maggiore consapevolezza.

L’esperienza è alla portata di tutti, non ci sono limiti di età e non ci sono ostacoli… Ognuno potrà trarre profondi benefici come fluidità del movimento, sul piano dell’empatia verso se stesso e gli altri, come reale relax profondo, pari a otto ore di sonno pieno.

Tutti questi benefici richiedono semplicemente di mettersi in gioco, prendendo un impegno con se stessi per poco più di un’ora alla settimana.

Non ci sono controindicazioni né rischi… Perché non provare a regalarsi un po’ di tempo? Un po’ di sano divertimento?

Vi aspetto al RENNY il giovedì alle ore 17.15 per una lezione di prova

CHE COSA E’ LA DANZATERAPIA? A COSA SERVE? PER CHI E’ ADATTA?
La danzamovimentoterapia è più di un’arte, più di una terapia corporea, è una psicoterapia che ha il corpo come protagonista vitale e può portare grandi risultati, grandi cambiamenti, anche se viene avvicinata per poco tempo.
Il cambiamento primario è la fluidità nel movimento, nella coordinazione motoria e ancora di più nella capacità di prestare attenzione al corpo, ai suoi messaggi, alle sue simbologie che diventano segnali chiari e univoci di un linguaggio profondo, arcaico, ma corrispondente al vero, alla Verità del proprio essere.

La danzaterapia è universale perché ogni popolo ne conosce gli effetti e la valenza, ogni essere umano può incrociarla e conosce le resistenze che sono tutte nell’ego, nella paura e nel giudizio.

Questa società è pronta a “spogliarsi”, a mettersi davvero a nudo, a solcare il mare delle proprie emozioni, dei vissuti anche più dolorosi e rendere scoperto il nervo dolente?
E’ capace di investire tempo e denaro nel proprio benessere profondo?
E’ capace di rendere noto al mondo la propria ricchezza e la propria luce?
Molto spesso si ha paura della LUCE e in particolar modo della propria bellezza che non si riesce a riconoscere, ad ammettere, a vedere sotto le spoglie di un movimento contratto, di un’andatura insicura, di microespressioni del viso che stanno ad indicare un continuo stato d’allerta.

Questo serve?
Ha il beneficio secondario di non vedere il malessere profondo, l’angoscia di morte, la paura paralizzante della solitudine e dell’indifferenza sociale.
Danzamovimentoterapia è incontro vero con le persone che posano la maschera e si fanno riconoscere per quelli che sono, è la Verità profonda della propria LUCE IMMENSA.

Chiedimi informazioni
Image
con Manuela Rorro

Passo dopo passo in un fluire ininterrotto e armonioso

Il corso è l’invito a scoprire alcune tra le maggiori tarantelle del Sud Italia per farne proprie le figure, i ritmi e il linguaggio.

Passo dopo passo, le danze si compongono in un fluire ininterrotto e armonioso e si concludono all’interno del cerchio, ronda, rota nel quale il rito della comunità si compie oggi come un tempo.

Chiedimi informazioni
Image
con Ivan Piccioli

L'allenamento che piace a tutti

L’allenamento che piace a tutti, che ha lo scopo di allenare l’intera muscolatura del corpo a ritmo di musica. Benefici visibili su gambe, braccia, cosce e glutei.

*Necessario tappetino

Chiedimi informazioni
Image
con Ivan Piccioli

Non è solo ginnastica, non è un semplice dessert

Movimenti dolci, leggeri, senza sforzi eccessivi.

La lezione prevede sia esercizi di tonificazione che di stretching dinamico

Chiedimi informazioni
Image
con Alessia Lencioni

Danzare con libera espressione corporea

5Ritmi (5Rhythms) creati negli anni ‘70 da una danzatrice che si chiamava Gabrielle Roth, specificamente per canalizzare il potere della danza come guarigione. Popolare in varie citta’ di tutto il mondo ora si sta diffondendo anche in Italia.

I 5Ritmi non hanno passi specifici da imparare, e’ un metodo di libera espressione corporea strutturata con 5 fasi, con 5 tipi di musica ritmica:

  1. fluire
  2. staccato
  3. caos
  4. lirico
  5. quiete

Il range dei movimenti vanno da lento, tipo Tai Chi, fino a scatenato e caotico. Le musiche usate possono essere di qualsiasi genere da dub step, elettronica, reggae fino alla musica classica. Tutto in un incontro. Dipende molto dal tipo di gruppo e dall’insegnante cosa decide di proporre al gruppo.

Questo tipo di danza libera puo’ dare benefici fisici quanto una classe di aerobica. Gli incontri durano normalmente 2-3 ore e sono un modo fantastico per tonificare i muscoli, migliorare la flessibilita’ fisica e mantenersi in forma. Si suda molto e quindi e’ un buon modo per disintossicarsi. Aiuta molto a riposare la mente e, quindi, a diminuire le ansie. Puo’ aiutare anche con l’insonnia.

E’ molto usuale dopo una classe di avere una sensazione di euforia, un’estasi naturale, anche se non tutti sentono questo dopo la prima esperienza. Poi con il tempo diventa piu’ naturale lasciarsi andare, arrendendosi ai propri movimenti e alle proprie emozioni. E’ possibile incontrare diversi aspetti di se stesso danzando una onda dal fluire, staccato, caos, lirico e finendo con la quiete. Succede anche di riuscire a trovare la parte di noi latente da anni o mai conosciuta.
Parliamo di danzare onde nei 5Ritmi perche’ dal fluire – movimenti morbidi e circolari – si va allo staccato, un ritmo ritmico con movimenti bruschi e ben definiti; poi si entra nel caos dove ci scuotiamo o danziamo in maniera selvaggia, per poi, in seguito, danzare leggeri ed allegri prima di rallentare in movimenti delicati e quindi fermarci e finire il ciclo dei 5Ritmi.

Ci si veste con vestiti comodi, sportivi e a strati, di norma si sta scalzi. Tuttavia per chi ha problemi con le ginocchia o ai piedi ecc e’ possibile indossare scarpe specifiche per danzare.

Chiedimi informazioni